Ricorso Tributario

Lo studio offre assistenza nel contenzioso tributario con il procedimento a cui può ricorrere un contribuente che ritiene che un atto che è stato emesso nei suoi confronti non sia fondato o legittimo: si può trattare, per esempio, di una cartella di pagamento, di un avviso di accertamento, di un avviso di liquidazione e così via. Per dare il via al contenzioso il nostro Studio, dopo aver esperito eventuali tentativi di autotutela e mediazione con l’Ente Impositore, si rivolge alla Commissione tributaria provinciale del territorio di riferimento, in modo tale da chiedere la sospensione cautelare dell’atto, qualora ci siano i requisiti, e l’annullamento dell’atto: annullamento che, a seconda delle circostanze, può essere totale o solo parziale.

Autotutela Reclamo Mediazione

.

Ricorso Tributario CTP e CTR

.

Istanze Rimborsi Fiscali

.

Consulenza tributaria e fiscale – Difesa tributaria

Per avviare un contenzioso tributario, è necessario proporre un apposito ricorso presso la Commissione tributaria provinciale (CTP) competente: tale ricorso deve essere notificato nei sessanta giorni successivi a quello in cui l’atto impugnato è stato ricevuto dal contribuente. Le liti tributarie: Lo Studio assiste nelle procedure del contenzioso tributario e le sue varie fasi:
dall’avvio del procedimento, che avviene con la notifica del ricorso all’ufficio che ha emesso l’atto contestato, alla costituzione in giudizio del ricorrente, che entro 30 giorni deve depositare il ricorso alla segreteria della commissione tributaria, dalla discussione del ricorso alla pubblicazione della sentenza e alle modalità di impugnazione della stessa.

Strumenti deflattivi contenzioso
Consulenza tributaria
Ricorso Tributario in CTP e CTR
Istanze di Sospensione Cartelle

CONSULENZA

Consulenza e Servizi

AREA PREVENTIVI

Preventivo Online