Aprire un’attività

Se desiderate mettervi in proprio e’ necessario sapere che con un budget iniziale adeguato, un’attenta pianificazione e programmazione si può avviare un’attività o un negozio di successo con un iter molto semplificato rispetto a qualche anno fa.

Vediamo quali sono i requisiti, l’iter burocratico ed i costi da sostenere quando si decide di avviare la propria attività commerciale.

I requisiti

I requisiti richiesti per legge sono:
• aver compiuto la maggiore età
• non avere precedenti dichiarazioni di fallimento
• essere residenti in Italia
• non aver riportato condanne penali o restrizioni normative
Ulteriori requisiti vengono richiesti per particolari tipologie di attività. In questi casi sono necessarie licenze, attestati, corsi abilitativi e requisiti specifici per il settore in cui si opera. Inoltre in alcuni casi le normative cambiano a livello regionale.
E’ quindi sempre opportuno documentarsi presso lo sportello SUAP del proprio comune per conoscere tutti i requisiti da rispettare per avviare la propria attività.
La licenza, invece, non è più necessaria per la quasi totalità delle attività tranne in alcuni casi specifici e attività regolamentate da leggi speciali.

Ulteriori requisiti urbanistici ed igenico sanitari vengono infine richiesti per i locali che devono avere la giusta destinazione e rispettare tutte le normative urbanistiche, sanitarie, sulla sicurezza, dal lavoro, ecc…

Iter burocratico

L’iter burocratico generale da seguire per aprire la propria attività è:
• apertura Partita Iva
• iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio
• regolazione posizioni INPS ed INAIL (previdenziali ed assicurativi)
• comunicazione di inizio attività presso il comune Suap (almeno 30 giorni prima dell’avvio)

Costi

Il budget necessario per aprire un’attività o un negozio dipende da moltissimi fattori quali la tipologia di attività svolta, la dimensione dei locali, il loro posizionamento e tante altre variabili. Una stima generica prevede un investimento minimo in relazione alla tipologia di attività da avviare (generalmente almeno euro 15.000 – 30.000).

Gli elementi che generano i maggiori costi sono:
• Locali (affitto, utenze, allacciamento reti, ristrutturazioni, adeguamenti)
• Adempimenti burocratici, consulenze e licenze
• Arredamento, attrezzature, software e hardware, prime forniture
• Personale dipendente
• Pubblicità

Consulenza Avvio Attività

Il nostro Studio Commercialista in Milano offre da oltre 40 anni assistenza agli imprenditori e la consulenza per l’avvio di nuove attività, aperture di negozi, catene in franchising. Lo Studio si occupa di tutti gli adempimenti burocratici per la scelta della forma giuridica societaria appropriata, il budget, la pianificazione, la costituzione della società, in presenza di più soci dei patti parasociali, le pratiche di avvio attività, la,gestione ordinaria corrente dell’impresa avviata da un punto di vista contabile, fiscale, di consulenza e assistenza all‘imprenditore e di pianificazione strategica.